MULTICULTURAL EASTER MEDITERASMUS 31st MARCH 2021

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi le info relative alla Privacy Policy prima di procedere .

MULTICULTURAL EASTER MEDITERASMUS 31st MARCH 2021

 

La pandemia da Covid-19 ha fermato l’attività didattica in presenza e la possibilità di effettuare scambi, ma il team Erasmus dell’I.P.S.S.E.O.A.  Mediterraneo di Pulsano non si è arreso ed ha organizzato un grande evento live in streaming su Facebook e sul canale youtube della scuola il 31 marzo: “Multicultural Easter Mediterasmus”.

Docenti e studenti, insieme alla dirigente Bianca Maria Buccoliero, hanno potuto così celebrare e salutare, insieme ai partner del progetto Erasmus+ “A Sustainable table for Multiculturalism and Inclusion”, la Santa Pasqua attraverso i piatti tipici  propri di  tutti i paesi coinvolti.  Special guests sono stati gli “amici” partner di “Climate Change is here”,  l’altro progetto Erasmus dell’istituto. 

art5

Un lavoro minuzioso ha impegnato i ragazzi nelle settimane precedenti: hanno selezionato le ricette inviate dai partner, le hanno studiate, tradotte, discusse anche con i docenti di cucina e i docenti di lingue per poter poi passare alla loro realizzazione. I laboratori di sala e cucina delle due sedi- Pulsano e Maruggio- si sono riaperti nei giorni 24 e 29 Marzo, nel pieno rispetto della normativa anti-covid, e studenti di varie classi insieme ai proff.ri Greco Rocco, Martella Sergio, Sammati Giuseppe e Schirinzi Martino hanno dato vita ad un crogiolo di colori, sapori, odori e rumori di utensili, pentole e fornelli magicamente tornati alla vita. Ed ecco che i piatti italiani, bulgari, croati, greci, polacchi, portoghesi, spagnoli e rumeni hanno arricchito la “tavola pasquale multiculturale”.

La parola chiave comune ad entrambi i progetti è “sostenibilità” ed infatti tutti i piatti sono stati preparati con ingredienti locali, stagionali e biologici in modo tale da rispettare l’ambiente. Ma non solo, al Mediterraneo non si spreca e non si butta nulla: partendo da una ricetta senza spreco “ le torrijas spagnole” fatte da pane raffermo e fritto in olio extravergine di oliva, il prof. Chiarello ha dimostrato come riciclare e quindi riusare l’olio esausto trasformandolo in “sapone”. Il sapone “mediterasmus” sarà pronto tra qualche settimana, un sapone ecologico a salvaguardia del nostro ambiente.

I partner sono intervenuti alternandosi nella diretta e hanno salutato docenti e ragazzi esprimendo la loro ammirazione per l’evento organizzato e complimentandosi con i nostri studenti per il grande lavoro svolto. E che dire del nostro Don Graziano, che dopo averci allietato con i racconti ed il significato dei simboli Pasquali, ha impartito la sua benedizione sul nostro Istituto.

L’Istituto Mediterraneo – attraverso gli occhi “felici” e “commossi” dei suoi studenti e dei suoi docenti – ha dimostrato come il lavoro di squadra, l’entusiasmo, la semplicità, accompagnati da audacia e tenacia, possano consentire di superare anche le limitazioni imposte da un momento terribile ed emergenziale. Un profumo di multiculturalità si “respirava “nell’aria ed un grande abbraccio virtuale ha avvicinato tutti a dispetto di grandi lontananze fisiche.

 

 

Progetto1
Progetto2